Servizi

sicurezza per wordpress

Ci sono numerosi modi per aumentare la sicurezza di WordPress. L’utilizzo di password intelligenti, l’aggiornamento del core e dei plugin e la scelta di un sicuro host WordPress gestito, sono solo alcuni di quelli che manterranno il vostro sito WordPress attivo e funzionante.

Per molti di voi, il sito WordPress costituisce la vostra azienda e il vostro reddito, quindi è importante prendersi del tempo e mettere in atto alcune delle migliori pratiche di sicurezza sopra menzionate.

I PRIMI PASSI

Mantenere sempre il tuo sito e i plugin aggiornati.

Gli aggiornamenti spesso correggono vulnerabilità di sicurezza, quindi è importante installarli non appena possibile. Consigliamo fortemente di avere un sito di staging dove eseguire tutti gli aggiornamenti e verificare possibili incompatibilità prima di apportare tutte le modifiche sul vostro sito live.

Utilizzare una password forte e univoca per ogni account sul tuo sito.

 Evita di utilizzare parole comuni o frasi facilmente individuabili, e utilizza invece una combinazione di lettere, numeri e simboli. Non usare mai parole che possono trovarsi in un qualsiasi vocabolario., non importa in quale lingua sia.

Limitare l'accesso al tuo pannello di amministrazione.

Ad esempio, puoi limitare l'accesso solo a determinati indirizzi IP o utilizzare autenticazione a due fattori. O anche limitare il numero di tentativi di accesso non autorizzati.

Utilizzare un plugin di sicurezza affidabile.

Usare un plugin di sicurezza aiuta a proteggere il sito da minacce come attacchi hacker, malware, spam e altre vulnerabilità di sicurezza. Ci sono molti plugin gratuiti e a pagamento disponibili per proteggere il tuo sito da attacchi, come Sucuri o Wordfence.

Mantenere un backup regolare del tuo sito.

In caso di attacco o errore, puoi ripristinare il tuo sito da un backup recente e minimizzare i danni. Generalmente ogni buon hosting ha a disposizione un servizio di back quotidiano. Ulteriore upgrade sarebbe disporre un back up mensile aggiuntivo mensile su una repositary del cliente, non è necessario, ma spesso richiesto dalle aziende più grandi.

Monitorare il tuo sito per rilevare eventuali attività sospette.

Ad esempio, puoi utilizzare plugin che inviano avvisi per email in caso di modifiche al tuo sito o di tentativi di accesso non autorizzati oppure servizi di monitoring esterni, più costosi ma anche più efficaci.

Rimuovere eventuali plugin o temi non necessari o non utilizzati.

Questi possono rappresentare una vulnerabilità per la sicurezza del tuo sito, quindi è importante rimuoverli per minimizzare i rischi.

Utilizzare un certificato SSL per crittografare la trasmissione dei dati sul tuo sito.

Questo protegge i dati sensibili degli utenti, come le informazioni di login e le informazioni di pagamento, durante la trasmissione.

Vuoi approfondire l'argomento ?

Leggi questo articolo dettagliato sulla sicurezza wordpress. Questo articolo fa per voi anche se volete muovere i primi passi in maniera autonoma

Cerca
Close this search box.

Vi siete mai chiesti se un sito web possa inquinare?
La risposta è SI.
La CO2 prodotta dal consumo elettrico per far funzionare i siti web rappresenta circa il 2% dell’inquinamento atmosferico nel pianeta.
Per bilanciare l’impatto sull’ambiente di questo sito, noi abbiamo scelto l’organizazione no profit Tree Nation per il rimboschimento del pianeta.

SCRIVICI QUI